venerdì 4 aprile 2014

Di notte..........


Di notte si ascolta molto meglio il mondo, perché il sapore del mondo se n'esce forte, acre, profondo. 
Di notte le cose parlano. 
Di notte gli uomini ascoltano e le cose parlano.
La notte è il tempo dell'impercettibile. 
Ci sono colori nella notte. 
Ci sono tutti i colori del buio. 
Ci sono incontri nella notte. 
Ombre che diventano giganti, così grandi che ci sembra di non avere le braccia abbastanza lunghe per poterle abbracciare.

Mario Pollo, I giovani e la notte, 1997


3 commenti:

  1. Belli davvero questi versi, cara Lorena.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ciao Lorena bella questa definizione della notte di un autore che non conoscevo. Complimenti e grazie.
    Romualdo.

    RispondiElimina
  3. Versi molto particolari ed emozionanti! ho letto con piacere.
    Un abbraccio Lorena a te e fam. con affetto

    RispondiElimina